The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

27 gennaio 2010

Racconto erotico su Menstyle.it

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 12:12

la senoraOggi su Menstyle un mio breve racconto erotico.

[Immagine: FK – La senora.]

6 Comments

  1. Letti e apprezzati ;-)!!
    un abbraccio,
    giuseppe

    Commento by giuseppe catozzella — 27 gennaio 2010 @ 12:41

  2. grazie! ciao giuseppe:-)

    Commento by Franz Krauspenhaar — 28 gennaio 2010 @ 02:04

  3. oh beh, visto che su menstyle non vedi il mio commento, tutto preso tu a commentare quel giovin holden, te lo riposto qui: giochi?

    Cinguettava…
    E’ stata..
    L’amai, mi amò.
    E’ agosto.
    Tutti questi tempi verbali sono, specialmente dal passato ultraremoto al presente, sbalzi, botte, colpi, ma a che pro? o sono un errore stilistico?
    Mi sa che FK non è abituato a scrivere racconti erotici.. nemmeno io a leggerne, ho solo “Sottosopra” al mio attivo, e non credo proseguirò. Ma FK, che sa scrivere, qui mi sembra proprio in una sua prova minore, vogliamo definirla così?
    Faccio notare che tra la sabbia del mare il sesso è .. scrub intimo!
    Nella prima parte, descrittiva di ricordi e vagamente idealizzante quell’amore ormai finito, a parte quell’a me incomprensibile uso di un passato remoto ormai in disuso, non ci sono grosse cazzate. Peccato che non c’entri nulla con la seconda.

    Questa seconda parte che inizia con quel salto dal passato al presente (“E’ agosto”), prosegue con “decidiamo di fare un gioco erotico” (cioè premeditato? Poco eros se lo è, e certo non è thanatos, la premeditazione) e finisce con “divento adesivo” Maddai! E’ orribile.
    Forse c’è un tentativo di richiamare il sotto (il vestito) e il sotto (dove sta la folla), ma troppo lieve, e in un raccontino di mezza pagina non c’è lo spazio per i richiami. Non è stato un tentativo (di stile), allora è una ripetizione (ripassino alla grammatica?).

    Questo cazzo già duro, già umido: troppi “già”, non trovi Franz? [sai chi sono, circa, vediamo se indovini]
    “Pochi secondi dopo, dal mio punto di osservazione, noto per caso, abbandonando gli occhi a sinistra, che un corteo silenzioso ha iniziato a percorrere la strada.” La frase più brutta, tutta subordinate, ad esprimere il nulla: pochi secondi dopo che lei ha gemuto? Cioè non geme più? Sesso a singhiozzo? Gemiti a singhiozzo! Dal tuo punto di osservazione sì, quale altro? noti per caso, cioè stai ribadendo che eri concentrato sul sesso ma che hai comunque visto, convinto di voler sottolineare quel caso? Magari un “Abbandonando gli occhi a sinistra noto che un corteo silenzioso percorre la strada” era troppo lineare per te?
    Perdi l’occasione di fare un parallelo tra la bara dentro l’auto e il cazzo dentro la fica, rimanendo nel cliché, purtroppo.
    “..al capo di quella coda..” non so quanto volontario sia questo bisticcio di termini, compreso il rimando (volontario?) al succitato cazzo, cui rimanda anche “il serpente della morte” (eros-e-thanatos più esplicito di così!).
    Potrei anche farti notare che il corteo funebre non è per nulla un serpente della morte, in quanto formato da vivi che seppelliscono il morto (e la morte) per distaccarsene, ovvero restare nella vita. Un rito funebre è proprio un inno alla vita, ed è per questo che scatena il sesso. Non solo tra te e Silva.
    A partire da “E questo, mio e di Silvia, applicare..” il capitombolo è totale: spieghi a concetti. Non trovi, FK, che spiegare tramite le azioni dei personaggi o tramite concetti faccia la differenza tra uno scritto riuscito e uno no?
    Ora Franz, indovina chi sono. :-)

    Commento by indovina — 29 gennaio 2010 @ 15:07

  4. ps: si legge meglio su serino, perchè il tuo sito toglie i font, caro il mio editore, interessato alla leggerezza del web?
    ciao

    Commento by indovina — 29 gennaio 2010 @ 15:08

  5. guarda, non so chi sei. e non provo nemmeno a indovinare. certamente non sei un cuor di leone.

    Commento by Franz Krauspenhaar — 30 gennaio 2010 @ 22:28

  6. te la sei presa per le critiche? sono azzeccate, per quello ti infastidiscono, non non aver indovinato chi sono. ti ho mandato un tuo libro, questo è un indizio notevole no? certo che se continuerai a rispondere così piccato mi passa la voglia di giocare..

    Commento by ti ricordavo più giocoso — 1 febbraio 2010 @ 17:46

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress