The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

7 maggio 2009

Ho raggiunto

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 09:45

 terra.jpg

Ho raggiunto le farfalle
del mio stomaco.
Un volo, un senso
unico. Di morte.
La primavera ha cent’anni
ha le speranze senz’ovulo
ha i fiori gettati nella gola,
il manifesto nudo, le urla
dei soccorritori.
Ho pianto col riso, ho fatte
mie le scarpe di mio padre
ferme qui da vent’anni.
Le ho indossate nel sogno
andando a prenderlo
come fosse il rapito da calce
da macerie giganti.
Dopoguerra dell’oggi
senza colpe e aguzzini,
solo natura folle, carne
di terra tesa. Come le menti
scolpite nella bruma, lo squarcio
apre ferite abrase, vecchie
e sole. E noi rimorti, dentro.

[Dedicata al terremoto d’Abruzzo. Letta nei luoghi del disastro da Nina Maroccolo, che ancora ringrazio. Immagine: FK – Terra.]

7 Comments

  1. Così, semplicemente

    :)

    Commento by Donatella — 7 maggio 2009 @ 13:29

  2. Bella. E basta.

    Commento by pasquale vitagliano — 8 maggio 2009 @ 06:28

  3. Dopoguerra dell’oggi
    senza colpe e aguzzini,
    solo natura folle, carne
    di terra tesa. Come le menti
    scolpite nella bruma, lo squarcio
    apre ferite abrase, vecchie
    e sole. E noi rimorti, dentro.
    Chapeau, mio caro Franz! (scusa la confidenza). Il tuo testo è davvero bellissimo, con un finale ancora più degno del resto del testo, che mi sembra un miracolo di equilibrio tra forza delle immagini, che esplodono per “visioni associative”, e controllo, rigore della forma. Anzi, la vera “forma” mi sembra essere proprio questa “catena” di immagini che si agganciano l’una all’altra, con un ritmo “violento e controllato” allo stesso tempo, come qundo si comprime una immagine in formato elettronico, a “compattarla” in uno spazio più ristretto, lo “spazio” del testo, appunto. Ed io che leggo sto qui, piegato un po’ per il gran pugno nello stomaco, e più che “rimorto” (straordinario participio passato, molto evocativo nel testo), “leggo e rileggo” e mi sento ancora più “riletto”.
    Chapeau, caro Franz, bel temperamento! Urge leggere le tue cose…

    Saldan

    ps. a Proposito, posso “ricpoiare” e rilanciare sul mio blog?

    Commento by Salvatore D' Angelo — 9 maggio 2009 @ 12:52

  4. grazie! certo, mi fa molto piacere che ti sia piaciuta.

    Commento by franz krauspenhaar — 9 maggio 2009 @ 23:11

  5. Franz, vai su http://www.acapofitto.splinder.com, nel Diario di Domenica 10.5.09 c’è questa tua poesia. Stamani è arrivato un commento a te dedicato da parte di Veronique Vergé. Faccio da Go Between.
    Saluti
    Saldan

    Commento by Salvatore D' Angelo — 12 maggio 2009 @ 13:58

  6. mille grazie saldan, un caro saluto!

    Commento by Franz Krauspenhaar — 13 maggio 2009 @ 20:58

  7. arrivare – per caso – a leggere, questo pomeriggio, questa poesia. grazie (con “ricevuta” di ritorno), Gia.

    Commento by Giampaolo — 25 maggio 2009 @ 16:45

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress