The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

23 gennaio 2008

Finis

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 08:00

jw.bmp 

Sono stato un pistolero, una volta.
Verso Tucson, Arizona. Mettevo mano
alla Colt, e sparavo fuori, dallo schermo.
E’così che vivevo certi pomeriggi,
tra il fumo bianco di contrasto nel buio,
mentre morivano in tanti, con lo Stetson.

La prima volta che vidi Spartacus
fu con mio nonno. Lui amava Milano,
andare dal barbiere tutte le mattine,
la cucina di mamma. Io mangio bianche chele
di passato, agrodolce pranzo di resti,
mangio quel che io sono, un bel ricordo.

Quando il nonno morì mamma pianse
disperata. Era osceno, quel tutto. Era
la morte del padre. Come strappare
le unghie a un gatto, o le minime ali
a una mosca. Muoiono tutti, muoiono.

Quando morì mio padre me lo dissero
in tedesco, dalla Svizzera. Morto!
disse la dura voce maschile. Tot.
Tot, totale di zero. Annientato, e basta.

Quando morirò io voglio non esserci,
voglio sparire in anticipo, filarmela ammutinato,
fare in modo di essere bello e addormentato
già laggiù, dove non si posa nessun fiore,
dove il silenzio fa il suo sporco dovere
di tacere del tutto, in tutto, e per il tutto.
Finchè il nulla non ci separi da alcun resto.

18 Comments

  1. Che ne dici di strozzarsi con un bacio?

    Commento by Miss M. — 23 gennaio 2008 @ 10:03

  2. Perchè le vie di mezzo, Miss?

    Tanto vale con la “completa”, no?

    :-)

    Buona giornata
    Franz

    Commento by krauspenhaar — 23 gennaio 2008 @ 12:25

  3. Caro Franz,sono una “tua devota e simpatica signora”,i versi ci sono,come sempre,ci sei tu come poeta,
    ma…dico…incontrarvi finalmente…e definire il tutto? :-)

    abbracci di simpatia
    jolanda

    Commento by jolanda catalano — 23 gennaio 2008 @ 13:04

  4. J ci sono cose che restano indefinibili a prescindere e ciò è il loro bello

    Franzi J ci ha di molto ragione ci sei… e ci fai ;-)

    Commento by Miss M. — 23 gennaio 2008 @ 13:48

  5. Jolanda, grazie, ma io e la signora ci siamo già
    profondamente incontrati. Solo che non ha mai
    tempo per un bel “doppiaggio”, uffa.

    Commento by krauspenhaar — 23 gennaio 2008 @ 14:45

  6. Chiedo scusa se sono stata indiscreta,ma dopo tempo di sussurri,accenni e sorrisi…ho pensato…
    Ma visto che l’incontro c’è stato,a questo punto taccio,chi sono io per consigliare alla signora Miss
    un “doppiaggio”?

    ancora simpatia
    jolanda

    Commento by jolanda catalano — 23 gennaio 2008 @ 15:01

  7. E ora,finalmente,possiamo parlare dei tuoi versi?

    E’ così che vivevo certi pomeriggi…

    …io mangio bianche chele di passato….
    mangio quel che io sono,un bel ricordo.

    Quando morì mio padre me lo dissero/in tedesco.

    …dove il silenzio fa il suo sporco dovere
    di tacere del tutto……..

    Lo so che il tuo primo amore è il romanzo ma credimi se ti dico che questo
    nuovo percorso non va abbandonato.

    P.S.
    Quando morì mio padre fui io a telefonare ma non ci fu risposta.

    ti abbraccio forte
    jolanda

    Commento by jolanda catalano — 23 gennaio 2008 @ 20:30

  8. io mi auguro di esserci, alla mia morte,e che la morte mi colga viva, sorridente, con lo stecchino tra i denti che ormai saranno dentiera,e sazia!!
    un saluto Franz dei chiaroscuri feroci e teneri

    Commento by reginadelsole — 23 gennaio 2008 @ 21:27

  9. Cara Jolanda, ancora grazie, non abbandono la poesia,
    che mi serve per raccontare la mia verità
    in maniera più spedita, tra l’altro.

    Carissima Queen of the Sun, thank you, il chiaroscuro
    è il sale della vita (non lo direbbe Tonino Guerra,
    lui che per contratto crede solo nell’ottimismo dei
    centri commerciali).
    Un abbraccio franzwolfiano a voi, signore

    Franz

    Commento by Franz Krauspenhaar — 24 gennaio 2008 @ 11:35

  10. Bionde, more, castane… sempre i soliti luoghi comuni!

    E prova un brivido diverso, per una volta, CRAUSPONE!

    Commento by la donna dai capelli blu — 24 gennaio 2008 @ 23:55

  11. “Chi ce l’ha messa la stella d’oro, sulla tomba di Ringo…”

    Commento by lambertibocconi — 25 gennaio 2008 @ 09:59

  12. Capelli blu fai molto Lucia Bosè ottantenne…

    Ringooo, Ringoooo…

    Commento by Franz Krauspenhaar — 25 gennaio 2008 @ 20:00

  13. Crauspone: ottantenne sarai te, progenie di Matusa!

    non io che rifulgo di giovanil splendore…

    Commento by la donna dai capelli blu — 25 gennaio 2008 @ 22:57

  14. Beh, oggi per te è stata una dura giornata…
    Sei diventata più vecchia di un anno…
    Quando ne ho fatti trentatre io… mi sembra
    ieri…
    Ah ah ah!!!

    Commento by Franz Krauspenhaar — 25 gennaio 2008 @ 23:41

  15. e invece è un eone fa, ah, ah!

    Commento by la donna dai capelli blu — 26 gennaio 2008 @ 01:04

  16. Non credo proprio, scemona che non sei
    altro.

    Io sono uno youngosauro.

    Commento by Franz Krauspenhaar — 26 gennaio 2008 @ 01:49

  17. …direi un discreto (che bella e rara qualità la discrezione…) e sussiegoso “doppiaggio” alla Tina Lattanzi.

    Commento by Miss M. — 26 gennaio 2008 @ 11:03

  18. Doppiaggio da I dieci comandamenti, eh? Grande Tina!
    Prossima volta mi metti un pezzetto del grande
    Cigoli? O De Angelis. Eh?

    Commento by krauspenhaar — 26 gennaio 2008 @ 12:06

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress