The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

14 gennaio 2008

Quell’uomo

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 07:32

a-painter-1962-lucien-freud.jpg

Era freddo, e tarlo
era accudirla, la fame, e carezzare e leccare la lama,
era sussurrare che ci sarebbero state cose morte.

C’era da trovare il precipizio, e accettare la spinta
nel punto più ventoso, come un gelo gridato,
urlo bianco da non poterne più, allo scarico
dei giorni, nel gorgo sibilante, nello stop.

Si spinge il filante cadavere
del giorno, feto ritorto di topo delle cantine,
in un freddo da soffocamento.

Non c’è a saldare nulla che lo tenga, non è tenaglia.
E’ la fine calda d’un uomo seduto,
e una primavera nera veglia fuori,
e guarda la morte, ingoiata dalla vita.
E questa gli pare uno schiaffo del padre.

C’è uno, seduto in una casa fredda,
che ha brividi lunghi ore, e soffre pene di pietra,
e non urla, perchè il soffrire gli viene dalla testa.
Si sente uscire, non sospetta alcun miglioramento.
Lui, una volta, sono stato anch’io.

(Immagine: Lucien Freud – A painter, 1962)

Su Nazione Indiana, leggi una mia recensione su Palinsesti, l’ultimo libro di poesia di Marco Simonelli. Try the experience!

3 Comments

  1. Estrarre freddo dal freddo, morte dalla morte.
    bello.
    Ciao.
    P.

    Commento by Paolo Cacciolati — 14 gennaio 2008 @ 12:58

  2. Grazie Paolo. E’ vita vissuta, purtroppo.

    Un saluto,
    Franz

    Commento by krauspenhaar — 14 gennaio 2008 @ 18:42

  3. …brividi lunghi ore..

    Lui,una volta,sono stato anch’io.

    abbracci,Franz
    jolanda

    Commento by jolanda catalano — 14 gennaio 2008 @ 19:59

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress