The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

30 dicembre 2007

Ennio Morricone

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 07:00

morricone.bmp 

Da trombettista, giovane,
nei night, gli occhiali su,
suonava la musica del tempo
di mattonelle e twist.
Viveva su musica d’altri, e
intanto cauterizzava i suoni
che sarebbero stati suoi.
Finchè il cinema, prodigioso
celeste faro di fantasie
e sogni puntati, restii
a finire, a mai finire.
Le danze macabre, gli strilli
della tromba, e l’ inquietante
trillo dell’armonica. Oggetti poveri,
che tagliano l’orchestra, che fanno
muovere l’aria nello spazio.
Lentamente, la musica si copre
la faccia e avanza, verso di noi,
prima spaurita, poi sempre più
arresa al bello. I suoni sono
immagine – Sean Sean, non ricordiamo
più chi è stato. C’è il sospiro, e la culla,
e la danza, e la voce femminile:
è il richiamo. E poi quegli urti sincopati
dei gialli, e il graffio dei neri, come fosse
un pittore di suoni. E così lui è,
fino alla calda dissonanza delle forme.

Già pubblicato qui

1 commento

  1. Ma ci sono solo io a casa oggi? non ripeto il commento già dato altrove,
    ma quell’armonica, Franz, quell’armonica…

    jc

    Commento by jolanda catalano — 30 dicembre 2007 @ 19:27

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress