The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

28 novembre 2007

Incoerenza

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 08:00

blake-self-portrait-with-badge.jpg 

Incoerenza, il personaggio televisivo
scrive libri, non è uno scrittore,
è un buco di culo sparato al buio
prima della luce “in onda.”

Chi fa libri sugli schermi non fa libri
veri, a meno che sia tornato da una
guerra persa. Dolente è il passo che nuota
sopra le nostre teste. Dolente è il gusto
di cioccolata amara.

Scrivere è consegnarsi, è darsi alla missione.
Sposa la letteratura, che tradisce tutti,
fedeli, infedeli, buoni e cattivi, nei turgidi
motel del successo a buon mercato.

Incoerenza di sapere del mondo il minimo,
per dirlo agli sciocchi, che se hai capito
hai fallito. Senti il respiro della seta
e del cormorano, alto sul cuspide della chiesa,
apri le braccia, e vola sulla rabbia.

Hai creduto nell’essere libero, il mondo è
Metropolis. Attento al cane che sporge
dal finestrino del treno, ti azzanna
in corsa. Hai creduto al gabbiano
esemplare, ma tu hai zampe corte
che graffiano il pavimento, e scivolano.

(Immagine: Peter Blake – Self portrait with badge)

12 Comments

  1. sogna…cammina…non dimenticarti mai di guardare le stelle!

    Commento by ariel — 28 novembre 2007 @ 12:26

  2. …..Dolente è il passo che nuota sopra le nostre teste….
    …..Scrivere è consegnarsi, è darsi alla missione……

    Certo Franz,la rabbia è umana quando vedi attorno a te solamente giochi di potere e gli sciocchi salgono sul trono delle false parole scritte a tavolino,giusto per seguire stupide mode e ricevere falsi applausi di cui non resterà nemmeno l’eco. Ma è in quel “scrivere è consegnarsi” il vero senso della scrittura,ciò che può allontanare la rabbia e farci sentire veri e diversi rispetto alle imbecillità imperanti.

    ti abbraccio
    jolanda

    Commento by jolanda catalano — 28 novembre 2007 @ 12:27

  3. Hai una pinacoteca da far invidia Franz, io non sono così bravo con le parole come con gli occhi, e vedo il commento così preciso di queste immagini alla tua scrittura, in particolare a questo consegnarsi e scrivere, è tutta pittura che si è consegnata al proprio esistere contradditorio e ha prevalso su molto nichilismo dell’arte contemporanea che è spesso moda, accademia.
    Cattivo sangue non mente.
    Ciao
    m.

    Commento by mario pandiani — 29 novembre 2007 @ 00:41

  4. Sì, io ci credo. Sarò un illuso, ma penso che scrivere sul serio sia una missione, quindi molto più di un mestiere. Il mestiere è quello del fare nella propria “officina”, giorno dopo giorno, come un bravo artigiano – perchè non esiste nessuna arte senza metodica e anche ossessiva applicazione. Ma non si chiude veramente mai bottega. Non si va mai in vacanza.

    Un abbraccio.

    Commento by Franz Krauspenhaar — 29 novembre 2007 @ 00:41

  5. Carissimo Mario, abbiamo postato assieme, rispondevo a Jolanda. Sono felice che tu riconosca in me un certo gusto nell’arte. La mia seconda passione è proprio la pittura, ho anche dipinto, per un certo periodo, e riprenderei, ma non ho tempo. Non credo che io potrei fare due cose, e – a parte il talento, che credo mi manchi – non si possono amare e sposare due passioni così.

    Un abbraccio, e spero di rileggerti presto.

    Franz

    Commento by Franz Krauspenhaar — 29 novembre 2007 @ 00:45

  6. Cicci!
    Se hai dieci in italiano e due in matematica la media non è la sufficienza.
    Gia scrivere bene è raro ed anche nel caso scivolare nelle tronfiaggine un nanosecondo.

    e poi… quella del missionario?

    beh ci sono anche altre posizioni letterarie… ;)

    http://it.dada.net/freeweb/kamasutra/immagini/animato4.gif

    Commento by cicci al volo — 29 novembre 2007 @ 10:18

  7. Sei tremenda. Ottima e abbondante la GIF dello “smorzaillights”.
    Comunque sono offesissimo: m’hai dato del tronfio e del nano (anche se per un secondo). Ti sei riscattata solo col “al volo” del cicci. Ecco.

    Commento by Franz Krauspenhaar — 29 novembre 2007 @ 11:02

  8. Cicci ma lo sai che son qui apposta per pettinare la coda al diavolo e poi io mica dicevo a te… ovviamente. Era un impersonale lato, un plurale maiesatitis che tutti ci abbraccia.

    Commento by cicci al volo — 29 novembre 2007 @ 11:11

  9. E. C:

    pluralis maiestatis

    Commento by cicci al volo — 29 novembre 2007 @ 11:13

  10. MAIESATITIS: molto Zorba il Greco, eh?

    Ahò, abbraccerà voi, a me no. Eh!

    :-)

    Commento by Franz Krauspenhaar — 29 novembre 2007 @ 12:23

  11. caro missionario
    ti leggo e mi redimo
    salutami il gabbiano esemplare
    ;)

    Commento by cicci al piatto — 29 novembre 2007 @ 12:34

  12. se conoscele stelle non ti perderai tra i boschi(Linus)

    Commento by ariel — 30 novembre 2007 @ 00:57

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress