The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

26 aprile 2006

COSE VISTE

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 12:15

di Girolamo Lazoppina

Scriveva con buona ragione Ugo Ojetti che gli italiani sono un popolo di contemporanei, senza antenati né posteri, perché senza memoria. Ed infatti l’atavico oblio in cui irrimediabilmente cadono i nostri scrittori più illustri, non appena trapassano a miglior vita, mi ha da sempre indotto a far mia questa riflessione.

Ma oggi, scoprendo che l’editore Avagliano ha ripubblicato una formidabile raccolta di affreschi letterari, proprio di Ugo OJETTI, intitolata “Cose Viste”, ho cominciato, forse per la prima volta, a dubitare di quell’assunto.

Cosicché, mi sono di corsa recato in libreria per prenotare, visto che le rigide regole del mercato impedivano di farne un testo da vetrina, quella mirabile raccolta di esperienze vissute e profondamente scandagliate, costituenti una nota rubrica tenuta dal Corriere della Sera per circa vent’anni. E dopo averla letta ho riscoperto il gusto ormai perduto di quel genere letterario e di quella pregevole capacità descrittiva che giustamente indussero D’Annunzio a definire l’autore “acuto veditore”.
La freschezza della narrazione ci introduce in un’atmosfera di inizio secolo palpabile al lettore come se questi l’avesse già vissuta; e la completezza e la profondità della descrizione dei luoghi sono tali da farli assaporare in ogni loro piccola sfaccettatura. Così come la miriade di personaggi incontrati e la mirabile introspezione che Ojetti è in grado di rivelare, riescono ad estasiare il lettore ed a guidarlo nelle pieghe più nascoste della psiche umana.

Insomma, finalmente qualcuno si è ricordato del grande maestro di giornalismo Ugo Ojetti. L’augurio che mi pongo è che i nostri editori mettano finalmente mano ai loro archivi e ripubblichino la grande mole di autori sublimi del nostro giornalismo e della nostra letteratura caduti nell’oblio, in modo da ridare un po’ di memoria al nostro caro Paese. Liberandolo, così, dalla sua atavica contemporaneità.

5 Comments

  1. L’atavica contemporaneità già mi piace assai,
    facciamo anche ancestrale attualità e siamo a posto.
    Io, di Ojetti, nonostante l’eta mià avanzata non lessi mai nulla, benché avessi trovato diversi suoi libri sulle bancarelle.
    Mi rimaneva dentro stampata l’etichetta di fascista, uomo del regime per cui lo trascurai.
    Ci ripenso allora.
    Però, da ricordi vaghi, mi pare che avesse giustiziato lestamente alcuni scrittori che amai.
    MarioB.

    Commento by cf05103025 — 26 aprile 2006 @ 15:52

  2. Avagliano pubblica spesso scritti interessanti, ma questo libro di Ojetti mi era sfuggito. Grazie a Girolamo per la squisita segnalazione, lo leggerò presto, mi incuriosisce molto.

    Commento by sergio garufi — 27 aprile 2006 @ 01:30

  3. Perdonami se mi attacco impropriamente a un post, ma solo oggi mi sono accorto che sei.. rinato! E’ una gioia, davvero.
    Ezio

    Commento by ezio — 28 aprile 2006 @ 14:23

  4. … ovviamente era diretto a Franz ;-)

    Commento by ezio — 28 aprile 2006 @ 14:24

  5. Grazie Ezio. Un caro saluto.

    Commento by F.K. — 28 aprile 2006 @ 15:15

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress