Commenti a: Sul fallimento https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/ il sito di Franz Krauspenhaar Thu, 19 Sep 2013 11:23:25 +0000 hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.5 Di: magda https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-62349 Fri, 06 Jan 2012 12:00:31 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-62349 A distanza di anni la situazione si è evoluta, mi sono laureata,messa a dieta, fatto progetti, rientrata nel circuito della normalità fatta di successi e sconfitte.Continuo a contribuire in rete ma in modo più contenuto, anagraficamente più saggio…..:-)In fondo se ci pensiamo bene non c’è effettivamente qualcosa per cui valga la pena di dire, di scrivere, di esporsi,perchè ci muoviamo nel terreno di esperienze già fatte . già dette, già sentite….niente di nuovo, tanto vale tacere …..Buon anno a tutti cari telematici….

Magda Mantecca

]]>
Di: Giancarlo Tramutoli https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5393 Tue, 11 Oct 2005 14:12:52 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5393 Sono d’accordo. Anche per me “Di male in peggio” era un po’ deludente. Ciao.

]]>
Di: magda https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5392 Mon, 10 Oct 2005 08:50:10 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5392 allora siamo amici, sai le risate che mi sono fatta con quel libro?
l’assurdo è che molti a cui l’ho regalato, compresi quelli che pensavano di essere depressi, l’hanno interpretato alla lettera e non come espressione paradossale……:-).il successivo, “di male in peggio” non è cosi geniale secondo me.
grazie Giancarlo.

]]>
Di: Giancarlo Tramutoli https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5391 Mon, 10 Oct 2005 08:34:07 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5391 Magda, citi “Le istruzioni per rendersi infelici”. Uno dei miei pochissimi libri di culto. L’avrò letto e comprato e regalato una decina di volte. La potenza del paradosso.

]]>
Di: Melpunk https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5390 Sat, 08 Oct 2005 11:22:16 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5390 Kristian:
certo, in una società in cui il fallimento è disvalore e vergogna il fallimento stesso può diventare rivoluzionario se opposto alla società che lo ha creato attribuendogli disvalore. in fondo il punk è stato, per certi versi, proprio questo. saluti

]]>
Di: Melpunk https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5389 Sat, 08 Oct 2005 11:19:51 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5389 Tash: sì, esatto, dipende dal valore (semantico, ma anche “morale” o culturale) che attribuisci alla parola fallimento. è qui il gioco. il senso della parola. anche qui pioggia fino a stanotte, poi, di colpo, il sole.

]]>
Di: magda https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5388 Fri, 07 Oct 2005 22:26:36 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5388 Cmq tutto il pezzo, evoca molto nello stile e nella sottesa ironia, Paul Watzlawick, titolo:Istruzioni per rendersi infelici- Feltrinelli.

………….Se siete intossicati per aver seguito scrupolosamente una mezza dozzina di improbabili ricette per la felicità, se ne avete abbastanza dei dissennati consigli di guru e sessuologi, tecnocrati e maestri di vita, delle prediche sull’essere anziché l’avere e sulla pace interiore, questo libro fa per voi.
Egualmente, non potrete che apprezzare questa “modesta proposta” per apprendere a rendersi infelici, se ritenete che il semaforo diventi rosso proprio per voi; se l’assiduo esercizio del sospetto ha finito per plasmare il vostro intuito; se dite spesso: “L’avevo detto, io…”; se provate un fremito (d’inconfessabile gioia? d’ira?) quando vi si rivolge la paradossale e paralizzante esortazione: “Sii spontaneo!”… Per aggredire, in un impeto di filantropia, un’aspirazione tanto funesta, un concetto così incistato nella nostra tradizione -la felicità-, Watzlawick mobilita tutti gli espedienti e relazionale etc etc ……………………..

]]>
Di: kristian https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5387 Fri, 07 Oct 2005 19:14:36 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5387 cazzo tash, allora abiti dietro l’angolo!
io eccepirei che l’estetica loser prevede la vocazione al fallimento – che diventa ‘politica’ quando si vede nel fallimento la possibilità di confliggere con un sistema di valori in cui non ci si vuole riconoscere.
cioè, il fallimento può essere rivoluzionario.

ciao

]]>
Di: tashtego https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5386 Fri, 07 Oct 2005 16:58:52 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5386 nel fallimento d’obbiettivo c’è sempre l’errore, melpunk.
di procedura, di valutazione, tecnico, di analisi, di eccesso di fiducia, eccetera.
credo.
non credo invece nel fallimento di vita, nell’idea di vita sbagliata, nel perdente, eccetera.

qui piove da più di 48 ore e non se ne può più.

]]>
Di: Melpunk https://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/comment-page-1/#comment-5385 Fri, 07 Oct 2005 15:41:40 +0000 http://markelo.bamaulion.net/2005/10/04/sul-fallimento-2/#comment-5385 tash: potrebbe chiamarsi errore, no?

]]>